Gloria Gaynor si racconta: “I Will Survive è la mia storia”

Oggi ottantenne, Gloria Gaynor dà il titolo al nuovo documentario su di lei "I Will Survive è la mia storia"

75
Nuovo documentario su Gloria Gaynor: "I Will Survive è la mia storia"
Nuovo documentario su Gloria Gaynor: "I Will Survive è la mia storia"

Oggi ottantenne, Gloria Gaynor dà il titolo al nuovo documentario su di lei “I Will Survive è la mia storia”, ha dichiarato Gaynor in una recente intervista.

I Will Survive non è stato solo un disco di successo ma anche un punto di riferimento. Nel 2016, Gloria Gaynor è stata inserita nel National Recording Registry, un catalogo di registrazioni sonore considerate culturalmente, storicamente o esteticamente significative dalla Biblioteca del Congresso. Nonostante abbia 45 anni, la canzone conserva un appeal che attraversa generazioni.

Gloria Gaynor ha iniziato a cantare a metà degli anni ’60 come membro della band jazz-R&B “The Soul Satisfiers“, ma ha ottenuto il successo internazionale solo dopo essersi esibita da solista e aver abbracciato la musica disco negli anni ’70.

Quando “I Will Survive” raggiunse il numero uno delle classifiche singoli negli Stati Uniti e nel Regno Unito nel 1979, divenne il suo più grande successo e il più duraturo. Nel 1993, la versione disco di “I Will Survive” di Gloria Gaynor è tornata tra i primi 10 singoli nel Regno Unito dopo che il remixer Phil Kelsey gli ha dato un elegante aggiornamento adatto all’era della musica house.

L'articolo continua dopo la pubblicità

L’icona della Gen Z, Harry Styles, l’ha reinterpretata durante il suo set principale al Coachella del 2022, mentre Madonna, una delle grandi sopravvissute della musica pop, la canta nel suo Celebration Tour, una serie di spettacoli ancora in corso che abbraccia l’intera carriera della cantante italo-americana.

Nonostante Gloria Gaynor abbia ottenuto altri successi durante l’era disco, in particolare con la sua incisiva cover del 1974 di “Never Can Say Goodbyedei Jackson 5, “I Will Survive” resta la sua indiscussa canzone più rappresentativa. Il nuovo documentario sulla sua vita e carriera, “Gloria Gaynor: I Will Survive“, sta venendo proiettato nei cinema statunitensi al momento. Il successo scintillante di Miley Cyrus del 2023, “Flowers“, recentemente nominato disco dell’anno ai Grammy, non campiona formalmente “I Will Survive”, ma contiene echi della sua sfida sulla pista da ballo.

Il documentario rievoca i tenaci e ripetuti tentativi della cantante per realizzare il suo primo album gospel alla metà degli anni ’70, nonostante le fosse stato detto dal suo manager che non interessava a nessuno. Una fase difficile per la cantante colpita da una serie di problemi, tra questi, un matrimonio difficile di 26 anni con il suo ex manager, Lynwood Johnson, dal quale divorziò nel 2005. Gaynor parla anche di essere stata molestata sessualmente in diverse occasioni mentre cresceva a Newark, New Jersey: prima dal compagno di sua madre quando aveva 12 anni e poi a 17 anni dal cugino del suo ragazzo.

La determinazione di Gloria Gaynor di passare al gospel ha dato i suoi frutti quando l’album risultante, “Testimony” del 2019, ha vinto un Grammy l’anno successivo. Da allora, è tornata alla musica dance con la collaborazione del 2021 con Kylie Minogue, “Can’t Stop Writing Songs About You“, e partecipato a “The Masked Singer” negli Stati Uniti.

I Will Survive“, quando è stata registrata da Gloria Gaynor nel 1978, è stata designata come lato B di una canzone all’epoca popolare chiamata “Substitute“. La casa discografica di Gloria Gaynor, la Casablanca, chiese al compositore Freddie Perren di produrre un remake disco, e lui accettò a condizione di poter produrre anche il suo lato B. Quando mostrò a Gaynor i testi di “I Will Survive”, una canzone che aveva scritto insieme al collega compositore Dino Fekaris, lei ne riconobbe immediatamente il potenziale. “Dissi che quei testi erano senza tempo”, dichiara la cantante.

Gloria Gaynor era così sicura che “I Will Survive” meritasse un’opportunità adeguata che la diede a Richie Kaczor, un DJ del nightclub più influente di New York, lo Studio 54. “Il pubblico l’ha amata immediatamente”, ha detto Gloria Gaynor a Forbes nel 2020. “Pensai, ‘Questa è una hit. Il pubblico di New York non ama subito nulla.’ Così ho dato al DJ un mucchio di dischi da dare ai suoi amici DJ.” Presto, “I Will Survive” era diventata così popolare sulle piste da ballo che la casa discografica di Gaynor la rese un lato A e in breve tempo scalò le classifiche. Secondo la Fire Island Pines Historical Preservation Society, è diventata “uno degli inni quintessenziali dell’orgoglio gay” nel 1979 e ha “resistito come una delle preferite degli uomini gay ovunque”.

Billboard Women in Music Awards 2024, i momenti migliori

Billboard Women in Music Awards 2024, i momenti migliori