Pink Floyd, curiosità delle copertine dei loro album

Le immagini delle copertine degli album dei Pink Floyd hanno scatenato la fantasia dei designer di "Hipgnosis", un'azienda con sede a Londra, catturando l'umorismo assurdo della band.

23
Pink Floyd, curiosità delle copertine dei loro album

Le immagini delle copertine degli album dei Pink Floyd hanno scatenato la fantasia dei designer di “Hipgnosis”, un’azienda con sede a Londra, catturando l’umorismo assurdo della band.

The Piper at the Gates of Dawn (1967)

The Piper at the Gates of Dawn - Pink Floyd
The Piper at the Gates of Dawn – Pink Floyd

Quando ricevette un incarico impegnativo da una nuova band desiderosa di emulare un viaggio acido per la copertina del loro album di debutto, Vic Singh, un fotografo della società in ascesa, si trovò fortunatamente a condividere lo studio con il collega David Bailey, anch’egli fotografo e amico di George Harrison. Quest’ultimo, membro dei Beatles, prestò a Singh una lente a prisma che risolse la situazione.

A Saucerful of Secrets (1968)

A Saucerful of Secrets - Pink Floyd
A Saucerful of Secrets – Pink Floyd

Al fine di creare un’atmosfera adeguatamente inquietante per il secondo album dei Pink Floyd, furono sovrapposte 13 immagini separate l’una sull’altra dagli Hipgnosis. Questa rappresentò solamente la seconda volta in cui la EMI aveva concesso a un team creativo esterno di realizzare l’artwork di un album, dopo il ‘Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band’ dei Beatles.

Ummagumma (1969)

Ummagumma - Pink Floyd
Ummagumma – Pink Floyd

La fama della copertina è dovuta all’uso pre-Photoshop dell’effetto Droste da parte degli Hipgnosis, in cui un’immagine si ripete all’interno di sé stessa. In questo caso, l’immagine subisce notevoli alterazioni ogni volta. Tuttavia, un altro elemento, l’album ‘Gigi’ in evidenza, divenne oggetto di controversie: venne aerografato per le edizioni statunitensi, canadesi e australiane a causa di preoccupazioni legate al copyright. Tuttavia, ciò non importava molto, poiché a quel punto Hipgnosis era diventato lo studio di design preferito dei Pink Floyd.

Atom Heart Mother (1970)

Atom Heart Mother - Pink Floyd
Atom Heart Mother – Pink Floyd

Una ragione spiegava perché questo è diventato uno dei primi album degli Hipgnosis senza titolo sulla copertina. Quando iniziarono a lavorare sulla copertina, ‘Atom Heart Mother’ non aveva ancora un nome. Per quanto riguarda il resto? “La mucca,” affermò memorabilmente il designer Storm Thorgerson riguardo a questa classica copertina dei Floyd, “non è affatto psichedelica. È solo una dannata mucca, vero?”

L'articolo continua dopo la pubblicità

Meddle (1971)

Meddle - Pink Floyd
Meddle – Pink Floyd

Non tutte le idee ebbero successo. Si dice che Storm Thorgerson abbia suggerito un primo piano dell’ano di un babbuino per “Meddle”, prima di essere fortunatamente contraddetto dai Pink Floyd. Invece, suggerirono una foto di un orecchio sott’acqua, e gli Hipgnosis incaricarono il fotografo Bob Dowling.

Ascolta

Obscured by Clouds (1972)

Obscured by Clouds - Pink Floyd
Obscured by Clouds – Pink Floyd

Creata da Storm Thorgerson e Aubrey Powell degli Hipgnosis, questa immagine di copertina è in realtà una fotografia di un uomo seduto su un albero. Durante la selezione della foto da utilizzare per la copertina, la diapositiva si inceppò su un proiettore 35mm, e a tutti piacque il modo in cui veniva completamente distorta.

The Dark Side of the Moon (1973)

The Dark Side of the Moon - Pink Floyd
The Dark Side of the Moon – Pink Floyd

L’origine di questa iconica immagine risale a un commento iniziale dei designer degli Hipgnosis rivolto al tastierista Richard Wright: “Ugh, dobbiamo avere di nuovo uno dei vostri dannati design surreali?” Prima di optare per l’effetto prisma, lo studio ha anche valutato l’utilizzo di un personaggio simile a Silver Surfer.

Wish You Were Here (1975)

Wish You Were Here - Pink Floyd
Wish You Were Here – Pink Floyd

Durante il 15° tentativo di completare lo scatto, una raffica di vento ha spinto le fiamme dalla tuta ignifuga dello stuntman Ronnie Rondell direttamente in faccia, costringendo il team presente sul set a spruzzarlo con schiuma estinguente. Per fortuna, Aubrey Powell aveva già l’immagine finale.

Animals (1977)

Animals - Pink Floyd
Animals – Pink Floyd

Durante il primo giorno dello shooting fotografico per questo album, c’era un cielo incredibile, ma il maiale si è liberato. Nel secondo giorno, il maiale è rimasto al suo posto, ma il cielo era grigio. Pertanto, Aubrey Powell ha sapientemente combinato l’oggetto gonfiabile del primo scatto con lo sfondo del secondo.

The Wall (1979)

Tha Wall - Pink Floyd
Tha Wall – Pink Floyd

Le immagini per ‘The Wall’ furono supervisionate dal disegnatore di fumetti Gerald Scarfe, il quale diede vita al primo album dei Pink Floyd non progettato dagli Hipgnosis dal ‘The Piper at the Gates of Dawn’, dopo che Roger Waters ebbe una rottura con Storm Thorgerson. In realtà, Waters non andava molto d’accordo con nessuno. Dopo un altro album in studio, Waters uscì dal gruppo.

A Collection of Great Dance Songs (1981)

A Collection of Great Dance Songs - Pink Floyd
A Collection of Great Dance Songs – Pink Floyd

Alla richiesta della Columbia Records di una compilation di emergenza curata da David Gilmour, i designer ritornati degli Hipgnosis hanno aggiunto un taglio sarcastico sull’intero processo. Il titolo è stato suggerito da un’osservazione del batterista Nick Mason, il quale si lamentava del fatto che l’etichetta statunitense dei Pink Floyd “probabilmente li considerava una band da ballo”.

The Final Cut (1983)

The Final Cut - Pink Floyd
The Final Cut – Pink Floyd

Ritornando al comando per l’ultima volta, Roger Waters ha nuovamente trascurato Storm Thorgerson e la sua squadra, optando invece per un’immagine drammatica in primo piano di una giacca con un papavero del ricordo e quattro medaglie della Seconda Guerra Mondiale, che riflettevano il tema predominante del progetto. La foto è stata scattata dal cognato di Waters, Willie Christie.

A Momentary Lapse of Reason (1987)

A Momentary Lapse of Reason - Pink Floyd
A Momentary Lapse of Reason – Pink Floyd

Sì, i letti ospedalieri perfettamente fatti erano reali – circa 700. Montarli ha richiesto quattro trattori e 30 operai che hanno impiegato sei ore. “Una follia farlo in ogni caso”, ammise una volta Storm Thorgerson, “ma in realtà abbiamo dovuto farlo due volte – perché ha piovuto improvvisamente la prima volta”.

Delicate Sound of Thunder (1988)

Delicate Sound of Thunder - Pink Floyd
Delicate Sound of Thunder – Pink Floyd

Storm Thorgerson ha sempre dimostrato una capacità innata nell’accostare le cose, come evidenziato in ‘Wish You Were Here’ e successivamente in ‘The Division Bell’. Per questo progetto live, ha elaborato un concetto volto a rappresentare il suono e le luci di un concerto dei Pink Floyd. È interessante notare che gli uccelli sono reali. Thorgerson ha rivelato in seguito che sono stati “liberati da dietro la roccia lontana al momento dello scatto”.

Shine On (1992)

Shine On - Pink Floyd
Shine On – Pink Floyd

Nel gioco sulla prima lettera del nome di questo cofanetto, l’acqua che circonda la figura principale nel design di Storm Thorgerson forma la lettera “S”. Ma avrebbe funzionato altrettanto bene come “B”? Successivamente, Nick Mason ha rivelato che la suggestione iniziale per il titolo del retrospettivo del 25º anniversario dei Pink Floyd era ‘The Big Bong Theory’.

The Division Bell (1994)

The Division Bell - Pink Floyd
The Division Bell – Pink Floyd

Storm Thorgerson possedeva una visione più ampia per ‘The Division Bell’, poiché individuava un terzo volto nello spazio negativo tra le due imponenti strutture – un elemento che, a suo parere, richiamava l’ex frontman mancante dei Pink Floyd, Syd Barrett.

Pulse (1995)

Pulse - Pink Floyd
Pulse – Pink Floyd

Questo disegno dell’occhio è stato creato combinando 36 fotografie separate. Tuttavia, l’argomento principale era un diodo luminoso a batteria incluso sul dorso per le prime edizioni in compact-disc. La maggior parte di essi smise di funzionare nel giro di pochi mesi, e l’idea fu abbandonata.

The Endless River (2014)

The Endless River - Pink Floyd
The Endless River – Pink Floyd

Dopo la morte di Storm Thorgerson, Aubrey Powell, co-fondatore degli Hipgnosis, assunse il comando, basandosi su un’immagine creata da un diciottenne di nome Ahmed Emad Eldin. Powell scoprì che il grafico egiziano, all’epoca sconosciuto, era un grande fan dei Pink Floyd dopo averlo contattato via email.

The Later Years (2019)

The Later Years - Pink Floyd
The Later Years – Pink Floyd

Aubrey Powell e Michael Johnson hanno collaborato allo sviluppo di questo concetto a partire da una fotografia di Rupert Truman di una giovane donna che cammina lungo una strada nel deserto, scattata nei pressi del Joshua Tree National Park della California. “È in parte fantascienza e in parte riguarda il potere – il potere di trasformare il normale in anormale con un semplice colpo di fortuna”, ha dichiarato Powell, collegando il tutto ai Pink Floyd – che si sono risvegliati durante l’era successiva all’uscita di Roger Waters.

Roger Waters definisce disgustose le idee di Bono su guerra di Israele a Gaza

Roger Waters definisce disgustose le idee di Bono su guerra di Israele a Gaza