L’omicidio di John Lennon

L'8 dicembre 1980 il mondo fu scosso da un evento che avrebbe lasciato un'impronta indelebile: l'assassinio di John Lennon, uno dei fondatori dei Beatles e un'icona del XX secolo. Ma chi fu il responsabile di questo atto insensato e quale il movente?

79
John Lennon
John Lennon

L’8 dicembre 1980 il mondo fu scosso da un evento che avrebbe lasciato un’impronta indelebile: l’assassinio di John Lennon, uno dei fondatori dei Beatles e un’icona del XX secolo. Ma chi fu il responsabile di questo atto insensato e quale il movente?

La Vita di John Lennon

Prima di analizzare la sua prematura scomparsa, è cruciale comprendere il ruolo di John Lennon e il suo impatto sul panorama culturale.

Nato a Liverpool nel 1940, Lennon unì le forze con Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr per formare i leggendari Beatles negli anni ’60, rivoluzionando la musica popolare e influenzando la cultura mondiale. Dopo lo scioglimento dei Beatles nel 1970, Lennon intraprese una carriera da solista, impegnandosi attivamente in questioni sociali e politiche. Le sue canzoni e le sue idee furono fonte di ispirazione per milioni di persone in tutto il mondo.

I fatti di quel fatidico giorno

Ad uccidere Lennon fu un criminale, malato mentale, britannico, Mark David Chapman.

Il giorno precedente all’assassinio Chapman fece una chiamata a sua moglie, esprimendo il desiderio di ottenere aiuto per i suoi problemi e di ritornare verso la luce della fede. Tuttavia, l’8 dicembre, Chapman lasciò la sua stanza d’albergo allo Sheraton Hotel, abbandonando quasi tutti i suoi effetti personali dietro di sé.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Tra essi, spiccava una copia de Il Giovane Holden, con una nota al suo interno. Nella pagina del libro aveva scritto: “Questa è la mia dichiarazione”, firmandosi come Holden Caulfield anziché utilizzare il suo nome. Passò l’intera mattinata fuori dalla residenza di Lennon, nota come The Dakota, mescolandosi tra i fan e parlando con il portiere. A un certo punto, sembra che sia riuscito a sfuggire alla governante per stringere la mano al figlio di Lennon, Sean.

Alle 17:00, sia Lennon che Yoko Ono lasciarono il Dakota per una sessione di registrazione. A differenza degli altri fan presenti al cancello, Chapman non disse una parola mentre tendeva una copia dell’album Double Fantasy di Lennon affinché il cantante la autografasse.

Mentre Lennon firmava per lui, un fotografo amatoriale, Paul Goresh, scattò una foto dei due insieme. Dopo che Lennon se ne fu andato, Chapman cercò di convincere Goresh a rimanere e a uscire con lui, invitando anche un’altra fan a uscire quella sera. Entrambi rifiutarono, sebbene Chapman dichiarasse che forse non avrebbe ucciso Lennon quella notte se lei avesse accettato o se Goresh fosse rimasto.

Lennon mentre firma un autografo al suo assassino, Chapman
Lennon mentre firma un autografo al suo assassino, Chapman

Pochi minuti prima delle undici di sera, Lennon e Ono fecero ritorno a casa. Invece di fermarsi al checkpoint di sicurezza, la coppia scese dalla limousine direttamente in strada. Attraversarono il cancello principale del Dakota mentre Chapman li guardava, probabilmente riconoscendoli da prima. I resoconti sulle seguenti sequenze di eventi sono discordanti, quindi non è chiaro se Lennon abbia riconosciuto o urlato all’uomo prima di essere ucciso.

All'Avana, a Cuba - STatua di John Lennon
All’Avana, a Cuba – STatua di John Lennon

Quello che è certo è che Chapman aveva una pistola calibro 38 dalla tasca del cappotto e sparò cinque colpi alla schiena di Lennon. Quattro di essi lo colpirono, mentre uno colpì una finestra della casa. Lennon inciampò verso l’area della reception e mormorò di essere stato colpito da un proiettile prima di cadere a terra.

Il portiere, Jose Perdomo, strappò la pistola dalle mani di Chapman e la gettò via. Altri si precipitarono verso Lennon, chiamando i soccorsi mentre Chapman si toglieva il cappotto per dimostrare di non avere altre armi, aspettando pazientemente l’arrivo della polizia. “Hai capito cosa hai appena fatto?”, urlò Perdomo a Chapman. “Ho appena sparato a John Lennon”, rispose lui.

Chapman non tentò mai di fuggire dalla scena del crimine e quando gli agenti arrivarono, si scusò persino per aver rovinato la loro serata. Lennon fu trasportato d’urgenza in ospedale, ma venne dichiarato morto al suo arrivo. Gli sforzi per rianimarlo furono vani e l’ora ufficiale della morte fu dichiarata alle 23:15. La reazione alla morte di Lennon fu travolgente. Dai fan alle celebrità, l’evento ebbe un impatto enorme e fu uno shock assoluto.

Howard Cosell e Frank Gifford vennero informati della morte di Lennon mentre commentavano la partita, tramite il produttore di notizie Alan J. Weiss, presente in ospedale quando Lennon fu portato via. Sebbene Ono avesse chiesto di non diffondere la notizia prima di informare il loro figlio, Weiss, all’oscuro di questa richiesta, trasmise la notizia comunque. Cosell divenne così la prima persona a dare al pubblico la notizia della morte di Lennon, interrompendo la partita. La conferma ufficiale giunse solo pochi minuti dopo.

Eredità di John Lennon

Oltre 40 anni dopo la sua tragica morte, l’eredità di John Lennon continua a vivere. Le sue canzoni rimangono un faro di ispirazione per generazioni di musicisti, mentre il suo impegno per la pace e l’amore continua a essere una fonte di speranza in un mondo spesso tumultuoso.

Lennon non fu l’unico personaggio famoso aggredito da Chapman. Il 7 dicembre l’uomo aveva già aggredito il cantante James Taylor in una stazione della metropolitana. L’assassinio di John Lennon rappresenta uno dei momenti più oscuri nella storia della musica popolare.

La teoria della morte di Paul McCartney

La teoria della morte di Paul McCartney

Home