“Megalopolis”: l’epopea distopica di Francis Ford Coppola – trailer

Adam Driver in Megalopolis di Francis Ford Coppola, una storia distopica ambientata in un mai caduto Impero Romano, interpreta l'artista e urbanista Cesar Catilina

58
"Megalopolis": l'epopea distopica di Francis Ford Coppola - trailer

Adam Driver ha già interpretato ruoli da seduttore cittadino – basta pensare a “Ragazze” – ma questa volta l’attore si è trasformato in un astuto attore del caos nell’epica “Megalopolis” di Francis Ford Coppola.

Adam Driver in Megalopolis di Francis Ford Coppola, una storia distopica ambientata in un mai caduto Impero Romano, interpreta l’artista e urbanista Cesar Catilina. Il più grande avversario di Cesar è il sindaco Franklyn Cicero (Giancarlo Esposito), che rimane impegnato in uno status quo regressivo, perpetuando avidità, interessi particolari e guerre partigiane, come riferisce la sinossi ufficiale del film.

Tuttavia, quando Cesar inizia una relazione con la figlia mondana di Franklyn, Julia Cicero (Nathalie Emmanuel), il percorso di Cesar nel creare una nuova città inizia a vacillare.

Nel cast figurano anche Aubrey Plaza, Shia LaBeouf, Jon Voight, Laurence Fishburne, Talia Shire, Jason Schwartzman, Kathryn Hunter, Grace VanderWaal, Chloe Fineman, James Remar, DB Sweeney e Dustin Hoffman.

Coppola scrive, dirige e produce il film epico con un budget stimato di oltre 120 milioni di dollari. Coppola ha autofinanziato il film, che debutterà domani a Cannes. Il lungometraggio segnerà il ritorno di Coppola a Cannes dopo le Palme d’Oro vinte per “The Conversation” e “Apocalypse Now”. L’altro suo film a Cannes è stato “Tetro”, proiettato alla Quinzaine des réalisateurs.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Altri produttori includono Fred Roos, Barry Hirsch e Michael Bederman, con Anahid Nazarian, Barrie Osborne e Darren Demeter come produttori esecutivi.

Coppola ha dichiarato a Vanity Fair di aver riscritto la sceneggiatura più di “300 volte” nel corso di decenni.

All’inizio, ricordo che una volta presi 130 pagine bianche e le misi su un frontespizio che annunciava audacemente ‘La megalopolis di Francis Ford Coppola’ e, sotto, ‘Tutte le strade portano a Roma'”, ha detto Coppola. “Ho fatto finta che non fosse del tutto vuoto, soppesandolo tra le mani in modo da poter immaginare come sarebbe stato un giorno, e credere che un giorno potesse esistere. Poi più tardi, una volta ottenuta la bozza, l’avrò riscritta 300 volte, sperando che ogni riscrittura la migliorasse, anche solo dello 0,5%”.

E nonostante l’idea del film fosse in gestazione da quasi mezzo secolo, Coppola ha assicurato che in realtà non ci ha lavorato per così tanto tempo.

Non ho lavorato su questa sceneggiatura per 40 anni, come spesso vedo scritto, ma piuttosto ho raccolto appunti e ritagli per un album di cose che ho trovato interessanti per qualche sceneggiatura futura, o esempi di vignette politiche o diversi argomenti storici,“, ha detto Coppola.

Alla fine, dopo molto tempo, ho optato per l’idea di un’epopea romana. E poi, più tardi, un’epopea romana ambientata nell’America moderna, quindi ho iniziato a scrivere questa sceneggiatura, a intermittenza, solo negli ultimi dodici anni circa. Inoltre, poiché ho realizzato molti film con molti soggetti diversi e in molti stili diversi, speravo in un progetto più avanti nella vita in cui avrei potuto capire meglio  quale  fosse il mio stile personale”.

Come detto, “Megalopolis” verrà presentato domani in concorso al Festival di Cannes 2024 ed è in cerca di distribuzione.