“Shōgun”: la critica acclama la nuova produzione di FX – guarda il trailer

La nuova serie televisiva Shogun, prodotta da FX potrebbe essere la nuova grande e coinvolgente serie televisiva su un'epopea storica, almeno secondo i critici

889
"Shōgun": la critica acclama la nuova produzione di FX - guarda il trailer
Anna Sawai nel ruolo di Toda Mariko in "Shōgun". - Katie Yu/FX

“Shōgun” di FX è un dramma storico ambientato nel Giappone del 1600 a cavallo del secolo. Lo spettacolo ha ottenuto recensioni positive da parte della critica. I critici hanno elogiato la portata, la narrativa e le performance della serie.

La nuova serie televisiva Shogun, prodotta da FX potrebbe essere la nuova grande e coinvolgente serie televisiva su un’epopea storica, almeno secondo i critici.

La prima stagione da 10 episodi è stata presentata in anteprima su FX e Hulu e su Disney+ da noi. Si tratta di un adattamento del romanzo di James Clavell del 1975, ed è una nuova interpretazione del materiale che fu adattato per la prima volta per la televisione nel 1980.

Shogun, la trama

“Shōgun”, creato da Rachel Kondo e Justin Marks, è ambientato all’inizio del XVII secolo in Giappone. La morte di Taiko, l’imperatore, crea un ambiente politico al vetriolo: dato che il suo unico erede è ancora minorenne, Taiko ha riunito un Consiglio dei Reggenti per governare al suo posto. Quei reggenti, tuttavia, non sono un’unità perfettamente allineata e quando l’avventuriero inglese John Blackthorne approda a riva, diventa uno strumento nell’arsenale di Lord Yoshii Toranaga, uno dei membri del consiglio e signore della regione di Kanto.

L'articolo continua dopo la pubblicità

I critici hanno elogiato la serie, citando la sua ambientazione coinvolgente, la nuova interpretazione del romanzo di Clavell e le performance del cast. Molti lo hanno paragonato alla portata di “Il Trono di Spade”, uno zenit televisivo che molti programmi hanno tentato – e per lo più fallito – di raggiungere nel corso degli ultimi dieci anni.

Ecco cosa hanno detto le recensioni dello spettacolo.

hiroyuki sanada nel ruolo di yoshii toranaga, un uomo che indossa abiti dorati decorati e un copricapo eboshi, seduto da solo in una stanza a gambe incrociate
Hiroyuki Sanada nel ruolo di Yoshii Toranaga nella prima stagione di “Shōgun”.  – Katie Yu/FX

I critici hanno paragonato ‘Shōgun’ a ‘Il Trono di Spade’

Alan Sepinwall di Rolling Stone ha scritto che “Shōgun” “opera su una scala molto più vicina a ‘Il Trono di Spade’ che a qualsiasi cosa FX abbia fatto in passato con spettacoli come ‘The Americans’ o ‘The Bear’, e funziona bene sia come ripping che come testo sociologico“.

Nick Hilton di The Independent ha affermato che mentre altre serie coinvolgenti come “Gli Anelli del Potere” o “La Ruota del Tempo” cercato di colmare un buco nella cultura pop, grande quanto “Il Trono di Spade”, “Shōgun” è la serie che vi è arrivata più vicina.

Lili Loofbourow del Washington Post ha scritto che “Shōgun” farà paragoni con “Il Trono di Spade” perché ha una “combinazione comprovata di splendide scene, ambiguità morale, cliffhanger (letteralmente, in un caso!) e violenza estrema e angosciante“. Loofbourow sostiene, tuttavia, che “Shōgun” trascende il dramma fantasy in “storia, strategia, catarsi e donne“.

toda mariko e john blackthorne, seduti insieme in un cortile. Mariko indossa vesti bianche, Blackthorne rosse
Cosmo Jarvis e Anna Sawai in “Shogun”.  – Katie Yu/FX

“Shōgun” ha guadagnato elogi per aver decentralizzato il suo protagonista bianco rispetto alle iterazioni precedenti

Nell’adattamento della miniserie del 1980 del romanzo di Clavell, John Blackthorne è il protagonista della storia, fungendo da personaggio principale. Secondo i critici, tuttavia, “Shōgun” di FX sposta più efficacemente l’attenzione sul cast di personaggi giapponesi della storia.

Judy Berman di Time ha scritto che “questo vasto dramma storico in 10 parti ha una visione molto più ampia rispetto al suo predecessore, andando oltre la prospettiva dell’outsider occidentale per esaminare una società in frattura che è sconcertata dai modi di questo intruso quanto lui dai loro“.

Mike Hale del New York Times ha affermato che gli showrunner “hanno ricalibrato la narrazione, tuttavia, spostando il punto di vista di Blackthorne verso il basso ed elevando i ruoli di molti personaggi giapponesi, in particolare Toda Mariko, la nobildonna che diventa la traduttrice e interprete per cui Blackthorne prova interesse amoroso sfruttato da Yoshii Toranaga, il signore che lo protegge e lo manipola“.

Samantha Nelson di IGN ha scritto che “Shōgun avrebbe potuto facilmente diventare una ripetizione di ‘L’ultimo Samurai’, dove Sanada ha fatto da mentore a un altro protagonista occidentale trapiantato, ma la serie adotta più un approccio d’insieme piuttosto che centrare la storia sulle esperienze di John“.

Le recensioni hanno elogiato la performance di Hiroyuki Sanada nei panni di Toranaga Yoshii

hiroyuki sanada nel ruolo di yoshii toranaga, un uomo in armatura seduto su un cavallo in cima a una collina
Hiroyuki Sanada nel ruolo di Yoshii Toranaga in “Shōgun”.  – Katie Yu/FX

Sepinwall di Rolling Stone ha scritto che “il carisma e l’intensa immobilità di Sanada rendono del tutto credibile che Toranaga sia sia un leader ispiratore di uomini che un brillante stratega che è sempre cinque mosse avanti rispetto ai suoi numerosi nemici“.

Kelly Lawler di USA Today ha scritto che Sanada è una “presenza magnetica” che rende “facile capire perché Toranaga ha ispirato tanta lealtà nel suo popolo“.

Nelson di IGN ha detto che “Sanada offre una performance magistrale, assolutamente regale anche nelle scene in cui Toranaga deve scappare dai suoi colleghi del consiglio, che si sono uniti per deporlo“.

I critici hanno anche notato la propensione della serie ad una violenza significativa

“Shōgun” non evita di rappresentare la violenza, la morte e il decadimento, secondo i critici, ma i revisori non la considerano una rappresentazione sfrenata.

Ben Travers di IndieWire ha notato che ci sono “parecchie” decapitazioni nello spettacolo, ma ha anche scritto che lo spettacolo non descrive battaglie su larga scala. Travers ha scritto che “le conseguenze di ogni controversia sono tanto assolute quanto raccapriccianti“.

Rebecca Nicholson del Guardian ha scritto che nello spettacolo “la sanguinosità di questo mondo viene messa in primo piano. Ci sono decapitazioni, rapide e spietate. Un uomo viene lentamente bollito a morte, il ‘metodo speciale’ di un signore della guerra sorridente; come con lo scorbuto, la telecamera mostra esattamente come appare“.

yuka kouri nei panni di Kiku, una giovane donna che indossa abiti rossi decorati, i suoi capelli pettinati in modo elegante e suona uno shamisen, un liuto con tre corde e un corpo quadrato
Yuka Kouri interpreta Kiku in “Shōgun”. – Kurt Iswarienko/FX

La critica ha anche elogiato i costumi e il design della produzione dello spettacolo

Sepinwall di Rolling Stone ha scritto che lo spettacolo presenta “splendide scene enormi, come un terremoto che distrugge uno degli eserciti in un momento inopportuno“.

Alison Herman di Variety ha scritto che la visione del Giappone degli showrunner Marks e Kondo “è resa sontuosamente dal regista del pilot Jonathan van Tulleken, dalla scenografa Helen Jarvis e dal costumista Carlos Rosario; i tentacolari paesaggi urbani della Osaka medievale rappresentano un uso ideale della CGI, e i tessuti da soli sono un utilizzo del budget più tangibile di quello riscontrato in molte altre produzioni“.

I primi due episodi di “Shōgun” sono attualmente disponibili per lo streaming su Disney+.

Home