Puff Daddy di nuovo denunciato per molestie sessuali

Rodney Jones Jr., noto anche come Lil Rod, ha avviato una causa federale affermando che il magnate dell'hip-hop Sean Combs, noto come Puff Daddy o P. Diddy, ha compiuto atti sessuali indesiderati durante la collaborazione per l'album "The Love Album: Off the Grid"

128
Puff Duddy di nuovo denunciato per molestie sessuali
Puff Duddy di nuovo denunciato per molestie sessuali

Rodney Jones Jr., noto anche come Lil Rod, ha avviato una causa federale, affermando che il magnate dell’hip-hop Sean Combs, noto come Puff Daddy o P. Diddy, ha compiuto atti sessuali indesiderati durante la collaborazione per l’album “The Love Album: Off the Grid”.

Puff Daddy nega fermamente le accuse attraverso il suo avvocato, Shawn Holley. Jones, che ha lavorato su nove brani dell’album e ha vissuto con Puff Daddy per mesi, afferma che durante la produzione, Puff Daddy lo ha molestato sessualmente e ha cercato di convincerlo a partecipare ad atti sessuali con un altro uomo, sostenendo che fosse pratica comune nell’industria musicale. “Mi sono svegliato nudo e confuso a letto con due prostitute e con Puff Daddy” ha dichiarato che Lil Rod accusamdo Combs di violenza sessuale. 

Il rappresentante legale di Puff Daddy, Shawn Holley, ha dichiarato che Lil Rod è un bugiardo che cerca uno sconsiderato risarcimento di 30 milioni di dollari. Holley sostiene che le affermazioni di Jones sono pura finzione, supportate da prove schiaccianti della loro falsità. La causa, inizialmente dichiarata per 30 miliardi di dollari, è stata corretta a 30 milioni. Nel documento legale, Jones sostiene di non essere stato adeguatamente compensato per il suo ruolo e ha avviato una campagna di crowdfunding per sostenere la sua causa.

Puff Duddy di nuovo denunciato per molestie sessuali
Puff Daddy di nuovo denunciato per molestie sessuali

La causa di Jones è solo l’ultima serie di accuse contro Sean Puff Daddy. Casandra Ventura, ex fidanzata del magnate e artista firmata sotto la sua etichetta Bad Boy, lo ha accusato di stupro e abusi fisici e sessuali nel novembre 2023. Altri tre casi simili sono stati presentati, ma Puff Daddy ha negato tutte le accuse, affermando che si tratta di tentativi di guadagno rapido. La causa di Ventura è stata risolta “amichevolmente”.

Puff Daddy è nella Top 10 dei rapper più ricchi del mondo

Rapper più ricchi del mondo: Patrimonio netto Top 10 a gennaio 2024

L'articolo continua dopo la pubblicità

Gli avvocati di Puff Daddy hanno cercato di respingere le rimanenti cause legali, sostenendo che le accuse sono troppo datate per essere portate in tribunale. Puff Daddy ha dichiarato di lottare per la sua reputazione, la sua famiglia e la verità, mentre le accuse persistono.

In risposta alla causa presentata in un tribunale newyorchese, un rappresentante legale dell’artista ha dichiarato che le accuse erano “pura finzione”. Shawn Holley, l’avvocato di Mr. Combs, ha aggiunto: “Abbiamo prove schiaccianti e indiscutibili che dimostrano la totale falsità delle sue affermazioni. Fronteggeremo queste accuse assurde in tribunale e adotteremo tutte le azioni necessarie contro coloro che le hanno avanzate”.

Si tratta della quinta causa legale con accuse di violenza sessuale contro il rapper. Gli avvocati del signor Daddy hanno combattuto le rimanenti cause legali in tribunale, sostenendo in un deposito della scorsa settimana che un reclamo da parte di una donna che afferma che il signor Combs l’ha stuprata in gruppo nel 2003, quando aveva 17 anni, è troppo vecchia per essere portata in tribunale.

Rapper più ricchi del mondo: Patrimonio netto Top 10 a gennaio 2024

Secondo i resoconti del tribunale, il produttore musicale ha condiviso la sua vita e viaggiato con Combs tra settembre 2022 e novembre 2023. I suoi legali sostengono che sia stato soggetto a sostanze stupefacenti e “ricorda di essersi risvegliato senza vestiti, confuso e stordito. Si trovava a letto con due donne e il signor Combs”.

Tra gli altri co-imputati citati nella causa figurano il figlio di Mr. Combs, Justin, la sua capo dello staff, Kristina Khorram, il CEO della Universal Music Group Sir Lucian Grainge e l’ex CEO della Motown Records, Etiopia Habtemariam. La causa sostiene che Grainge, Habtemariam, Motown Records, Love Records e Universal Music Group hanno “trascurato, avvisato o supervisionato in modo inadeguato” le azioni di Mr. Combs, suo figlio e la sua capo dello staff.

Elettra Lamborghini: La Star dei Reality con un Patrimonio da Record

Elettra Lamborghini: La Star dei Reality con un Patrimonio da Record