Megalopolis è un folle, bellissimo, irrinunciabile, omaggio al cinema

Megalopolis, l'ambiziosa epopea fantascientifica di Francis Ford Coppola è tutto ciò che temevamo e tutto ciò che speravamo che fosse: è un'installazione artistica, un esercizio di indulgenza e un esperimento di immagini ipocrite, ma anche un coraggioso rifiuto di ciò che è tradizionalmente un film

99
Megalopolis è un bellissimo, irrinunciabile, omaggio al cinema

Megalopolis è un sacco di film. Per essere precisi, sono 40 anni di film. Francis Ford Coppola ebbe l’idea di questa epopea di fantascienza nel lontano 1977, prima di iniziare seriamente a svilupparla negli anni ’80.

Come ha raccontato Coppola, si trattava più di una serie di idee che di una sceneggiatura completa: un film composto da quaderni pieni di pensieri con la vaga ambizione di “un’epopea dell’antica Roma ambientata in una New York contemporanea“.

Ed è esattamente quello che si prova guardando Megalopolis: un mucchio di idee unite insieme in un film vistoso, sconcertante e abbagliante, una sorta di rifiuto atroce e totalmente audace della forma cinematografica. Non avrebbe mai dovuto essere realizzato. Eppure, ora che è successo, dovremmo essere davvero grati di averlo fatto.

Adam Driver e Nathalie Emmanuel a Megalopoli
Adam Driver e Nathalie Emmanuel – Megalopolis

Ambientato in una versione dell’America contemporanea ispirata all’Antica Roma, Megalopolis racconta la storia di Cesar Catilina (un Adam Driver, che sfoggia tutto il peso del suo carisma), un geniale architetto che ha inspiegabilmente la capacità di fermare il tempo.

Cesar sogna di costruire una comunità utopica che vuole chiamare Megalopoli utilizzando un nuovo materiale da costruzione, il Megalon, un elemento instabile di cui nessuno conosce veramente il pieno potenziale. Ma la visione idealistica del futuro di Cesar lo mette in contrasto con il sindaco corrotto Franklyn Cicero (Giancarlo Esposito, distaccato e shakespeariano), che crede in soluzioni più pratiche per contrastare il rapido peggioramento della situazione economica di Nuova Roma (il suo piano, a quanto pare, è costruire un “casinò divertente”).

L'articolo continua dopo la pubblicità

Megalopolis è una visione febbrile che è stata strappata direttamente dal cervello di Coppola e appiccicata sullo schermo.

Nuova Roma, che è fondamentalmente una New York City senza il Madison Square Garden sostituito dal Colosseo in cui i membri del jet set indossano versioni salaci di toghe e tuniche romane, è in gran parte una città di abbienti e non abbienti. I ricchi partecipano a rave simili a baccanali illuminati da neon, mentre i poveri osservano in silenzio dietro le recinzioni di rete metallica.

In questa ambientazione, la figlia di Cicerone, Julia (una beatifica, ma un po’ noiosa Nathalie Emmanuel) si è stancata della dissolutezza e scopre un nuovo fascino in Cesar quando lo vede fermare il tempo. I due si imbarcano in una relazione professionale e personale profondamente intricata, che dà il via a una serie di piani subdoli per abbattere Cesar da parte del suo invidioso cugino Clodio (uno Shia LaBeouf davvero perverso) e dell’ex amante di Cesar, Wow Platinum (una Aubrey Plaza che ruba la scen in modalità massima stranezza).

Sulla carta, Megalopolis potrebbe sembrare una storia abbastanza semplice: un vertiginoso mix tra la serie TV Succession e una tragedia shakespeariana ma non è possibile descrivere quanto sia davvero sconcertante guardare Megalopolis.

Nella prima ora davvero spiazzante del film, Megalopolis si muove senza capo né coda. Ogni scena sembra l’inquadratura decisiva di un film diverso. Ogni attore si sente come se fosse in un film completamente diverso l’uno dall’altro. Il montaggio ha il ritmo sbilanciato e rapido di uno sketch SNL.

Il dialogo è al limite dell’indiscernibile. I personaggi parlano rigorosamente per luoghi comuni, cliché o dichiarazioni di intenti stranamente dirette. È brutto dire che il dialogo sembra scritto da un’AI, ma la cadenza innaturale e legnosa di ogni battuta parlata, non importa quale sia il cast – che include anche Laurence Fishburne, Dustin Hoffman, Jon Voight, Talia Shire, e Kathryn Hunter.

A parte Driver, che si immerge nella materia con una follia disperata e una fisicità sfrenata (a un certo punto fa una danza interpretativa alimentata dalla droga…), l’unica interprete che sembra davvero essere sulla lunghezza d’onda di Megalopolis è Aubrey Plaza, la cui personalità aggressivamente strana e stranamente sensuale si adatta perfettamente a questo film molto particolare. Ma mentre il film entra nella sua seconda metà stranamente lucida, diventa chiaro che gli interpreti quasi non contano. Megalopolis è semplicemente una visione febbrile che è stata strappata direttamente dal cervello di Coppola e messa sullo schermo.

Il mondo, dice Coppola, non finirà con il botto, ma con una cinica canzone pop. E questo è il suo canto del cigno cinematografico.

E perché non dovrebbe esserlo? Coppola ha letteralmente versato il suo sangue, il suo sudore e le sue lacrime nel progetto, vendendo la sua azienda vinicola per finanziare lui stesso il suo progetto di passione dopo non essere riuscito a trovare uno studio per sostenerlo. E si può vedere ogni goccia di sangue e sudore sullo schermo.

Ogni scena è girata nell’ora magica, rendendo la tavolozza dei colori dell’intero film un colore arancione caldo e profondo, quasi rosso quando la luce colpisce il cielo nel modo giusto. Ogni influenza visiva e riferimento cinematografico a cui puoi pensare è racchiuso in questo film in modo quasi schietto.

Coppola rende omaggio ai film muti con la sua frequente sovrapposizione di occhi, volti ed edifici, mentre a un certo punto il film diventa un noir puro completo di luci scure e lunatiche, pioggia e nebbia, per il solo motivo che sembra bello. È un film che sembra realizzato da un uomo alla fine della sua carriera e senza un posto dove mettere le sue idee, quindi le mette tutte in un film, dannato se non hanno senso insieme.

Aubrey Plaza Megalopoli
Aubrey Plaza è una delle performance più straordinarie di Megalopolis proprio perché capisce esattamente la lunghezza d’onda su cui si trova il film

Coppola, però, non è sottile riguardo a cosa tratta Megalopolis. Egli identifica questa America dissoluta e corrotta con la caduta dell’antica Roma. Il pane e i circhi romani sono ora un concerto pop ispirato a Taylor Swift (con Grace VanderWaal nei panni di una “Vergine Vestale”), mentre i finti slogan rivoluzionari di LaBeouf sono strappati da titoli reali, come “Non calpestarmi“.

Le immagini di ispirazione romana antica sono intervallate da immagini sgargianti di pop star contemporanee, passato e futuro che coesistono allo stesso tempo. Il mondo, dice Coppola, non finirà con il botto, ma con una cinica canzone pop.

Prima ho detto che Megalopolis è un sacco di film, ma non mi sembra giusto chiamarlo così. Più che un film è un’installazione artistica, un esercizio di indulgenza e un esperimento di immagini ipocrite, ma anche un coraggioso rifiuto di ciò che è tradizionalmente un film.

Nel momento più strano di un film molto strano, Megalopolis salta letteralmente fuori dallo schermo. Durante la proiezione a Cannes, un uomo è salito sul palco con un microfono e ha iniziato a parlare allo schermo, e lo schermo ha risposto: il Cesar di Driver che rispondeva alle domande di quest’uomo come se lui, e per estensione, il pubblico, fossero parte di una conferenza stampa.

È questo momento che incarna il peculiare esperimento di Megalopolis: un espediente per rompere il quarto muro che trascina il pubblico all’interno del film, che lo voglia o no. È arrogante e prepotente, da parte di Coppola. Ma non si può negare che sia molto ispirato.

Megalopolis è stato presentato in anteprima il 16 maggio al Festival di Cannes 2024. Non ha ancora un distributore.