Recensioni contrastanti per Furiosa: a Mad Max Saga – guarda il trailer

Le recensioni per Furiosa: A Mad Max Saga, presentato in anteprima al Festival di Cannes, sono state contrastanti, con commenti che vanno da "primitivo e pungente" a "tutto spettacolo e nessuna visione"

105
Recensioni contrastanti per Furiosa: a Mad Max Saga - guarda il trailer

Le recensioni per Furiosa: A Mad Max Saga, presentato in anteprima al Festival di Cannes, sono state contrastanti, con commenti che vanno da “primitivo e pungente” a “tutto spettacolo e nessuna visione“.

Il quinto film della serie Mad Max è un prequel, con Anya Taylor-Joy e Chris Hemsworth, che racconta la storia delle origini dell’Imperatrice Furiosa, interpretata da Charlize Theron in Mad Max: Fury Road del 2015.

Il film d’azione distopico, creati da George Miller, è ambientato nell’arido entroterra australiano ed esplora il crollo della società dopo un’apocalisse. The Independent ha definito il film “emozionante, spiritoso e pieno di ferocia decisa, mentre per Variety si tratta di un film “ambizioso” ma “niente a che vedere con Fury Road“.

David Rooney ha scritto, su Hollywood Reporter, che il film è “un grande passo indietro rispetto a Mad Max: Fury Road” con “poca tensione o fluidità in una narrazione senza forma accentuata dalla sua pretenziosa struttura in capitoli“.

Invece, Geoffrey Macnab ha scritto, sull’Independent, che “ha l’intensità concentrata di Fury Road del 2015, di cui è un prequel, e tuttavia si sviluppa su una tela molto più ampia”.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Il dialogo è ridotto al minimo“, ha scritto.

Ma anche in un ruolo d’azione quasi del tutto privo di momenti più tranquilli, Taylor-Joy è ancora in grado di trasmettere molto delle crude emozioni interiori di Furiosa.”.

Il film, interpretato anche da Tom Burke e Alyla Browne, è ambientato circa 20 anni prima di Fury Road e vediamo Furiosa passare dalla prima infanzia fino a diventare una guerriera.

Chris Hemsworth e Anya Taylor-Joy a Cannes
Presentato fuori concorso a Cannes, ha ricevuto una standing ovation di sei minuti e Miller ha detto che, come Fury Road, finirà per diventare “un pezzo femminista” quasi per caso.

Una storia con un eroe maschio che libera le mogli schiave da un harem sarebbe stata “una storia diversa da quella di una donna guerriera“, ha detto. “Non era, ‘Oh,’ facciamo un film d’azione femminista’, è sempre stato guidato dalla storia.”.

Nikki Baughan dello Screen Daily ha definito un “thriller di vendetta ad alto numero di ottani” un “ritorno violento”, ma ha aggiunto: “Mentre Fury Road si è svolto in soli tre giorni, conferendogli un’energia cinetica ininterrotta, Furiosa abbraccia 15 anni, suddivisi in diversi capitoli, il che si traduce in un ritmo più lento e talvolta irregolare.

Robbie Collin del Daily Telegraph ha definito il film il cinema nella sua forma più pungente e primordiale.

Sul Time, Stephanie Zacharek lo ha definito “tutto spettacolo e niente visione” .

Nonostante le sue tantissime sequenze d’azione e una cacofonia sinfonica di motociclette che sfrecciano nella sabbia, il film, diviso in capitoli con titoli droney come Lessons from the Wasteland, si evolve in uno slogan che sta lavorando duro per convincerci che stiamo avendo un buon momento, anche se in realtà potrebbe non darcelo” ha detto.

John Nugent della rivista Empire ha assegnato al film cinque stelle e ha elogiato gli attori principali, dicendo: “Taylor-Joy, in particolare, è fenomenale, i suoi occhi grandi e intensi risaltano nettamente sulla fronte unta di olio motore, esprimendo sottilmente emozioni nei dialoghi“.

Il personaggio Dementus di Chris Hemsworth è un chiacchierone: un despota carismatico, spesso a torso nudo e sempre più caotico che governa la sua armata di motociclisti… da un carro romano alimentato a benzina.”.

‘Assolutamente sbalorditivo’

Anche Brian Viner del Daily Mail ha assegnato al film cinque stelle, dicendo: “È un vero spasso dall’inizio alla fine, un degno prequel del frenetico blockbuster del 2015 Mad Max: Fury Road.

È assolutamente sbalorditivo alla vista, decisamente rumoroso all’orecchio e una scossa da 1.000 watt per lo spirito: lo adoro“.

Sul Guardian, Peter Bradshaw ha dato al film quattro stelle, definendo Taylor-Joy “straordinaria” e dicendo che “vende questo sequel“.

Al contrario, Kevin Maher, sul Times, ha scritto : “Dopo un’emozionante scena di inseguimento iniziale, Furiosa viene rapidamente affondato da una trama lenta e da interpretazioni deboli“.

Home