Perché Stairway to Heaven è il riff proibito?

Stairway to Heaven è una delle canzoni rock più iconiche di tutti i tempi e il suo riff di chitarra di apertura è immediatamente riconoscibile dagli appassionati di musica di tutto il mondo. Tuttavia, esiste un mito popolare secondo cui il riff di apertura della canzone, suonato alla chitarra, non può essere suonato nei negozi di chitarre.

169
Stairway to heaven - Led Zeppelin
Stairway to heaven - Led Zeppelin

Stairway to Heaven è una delle canzoni rock più iconiche di tutti i tempi e il suo riff di chitarra di apertura è immediatamente riconoscibile dagli appassionati di musica di tutto il mondo. Tuttavia, esiste un mito popolare secondo cui il riff di apertura della canzone, suonato alla chitarra, non può essere suonato nei negozi di chitarre.

Nonostante la sua popolarità, il riff di Stairway to Heaven è diventato noto come il “riff proibito” a causa della sua complicata e controversa storia di copyright.

Il chitarrista dei Led Zeppelin Jimmy Page scrisse il riff nel 1971, ma nel corso degli anni è stato oggetto di numerose battaglie legali. Nel 2016, una giuria ha stabilito che il riff di apertura non era un plagio della canzone “Taurus” della band Spirit, ma la controversia attorno al riff è continuata fino ad oggi.

BAND ROMA: NO QUARTET

Secondo quanto riferito, molti negozi di chitarre hanno vietato ai clienti di suonare il riff di Stairway to Heaven nei loro negozi, a causa di problemi di copyright o semplicemente perché è stato suonato così tante volte da essere diventato un cliché. Qualunque sia la ragione, il “riff proibito” è diventato parte della tradizione musicale e continua ad affascinare sia i chitarristi che gli appassionati di musica.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Le origini di Stairway to Heaven

Stairway to Heaven” è una canzone rock iconica del gruppo rock inglese Led Zeppelin. La canzone è stata composta dal chitarrista della band Jimmy Page e dal cantante Robert Plant per il loro quarto album in studio senza titolo, spesso indicato come Led Zeppelin IV. Pubblicata alla fine del 1971, la canzone divenne rapidamente una delle più grandi canzoni rock di tutti i tempi.

Il riff di apertura di Stairway to Heaven è uno dei riff più riconoscibili nella storia della musica rock. Il riff viene suonato su una chitarra a 12 corde

La canzone è classificata come rock progressivo, un genere emerso tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70. Il rock progressivo è caratterizzato, tra le altre cose, da strutture musicali complesse, tempi in chiave non convenzionali e dall’uso di strumenti classici. “Stairway to Heaven” è un perfetto esempio di questo genere, con i suoi intricati assoli di chitarra, voci stratificate e crescendo vertiginosi.

Il vero significato della canzone rimane un mistero, anche per lo stesso Robert Plant, il quale ha affermato che il potere della canzone risiede nella sua astrazione. Questo brano capolavoro della musica rock, con il suo riff iconico, la complessa struttura musicale e i testi misteriosi, continua ad essere uno dei preferiti sia tra i fan del rock che tra i chitarristi, consolidando il suo posto nella storia della musica rock.

Il termine “The Forbidden Riff” è diventato sinonimo delle note di apertura di “Stairway to Heaven” dei Led Zeppelin

Ma perché questo riff è così famoso? Il concetto del riff proibito è nato come uno scherzo tra i rinomati negozi di chitarre di Denmark Street a Londra negli anni ’70. Lo scherzo era che se qualcuno avesse suonato l’intro di “Stairway to Heaven” in un negozio di chitarre, sarebbe stato rimproverato o invitato a lasciare il negozio. Questo scherzo ricorrente è stato reso popolare nel film Wayne’s World del 1992, in cui al personaggio di Mike Myers viene detto che non può suonare “Stairway to Heaven” in un negozio di chitarre.

LEGGERE:

3 modi per registrare mentre canti con musica di sottofondo

Il riff introduttivo di Stairway to Heaven è notoriamente difficile da suonare, soprattutto per i chitarristi principianti. Richiede molta destrezza delle dita e pratica per farlo bene. Di conseguenza, molti insegnanti di chitarra scoraggiano i propri studenti dal tentare di suonarla finché non ne hanno padroneggiato le basi.

Un altro motivo per cui il riff di Stairway to Heaven è proibito è la sua frequenza. È stato suonato così tante volte che è diventato fastidioso ascoltarlo. Molti negozi di chitarre hanno addirittura vietato ai clienti di suonare il riff nei loro negozi come forma di etichetta verso gli altri clienti.

Inoltre, la popolarità della canzone l’ha resa un bersaglio per denunce di violazione del copyright. Molte persone sostengono che una band chiamata Spirit abbia affermato che i Led Zeppelin abbiano rubato l’iconico riff dalla loro canzone Taurus. Questa controversia ha portato la canzone a essere soprannominata “The Forbidden Riff”.

Altri riff e canzoni proibiti

Sebbene “Stairway to Heaven” sia forse il “riff proibito” più noto, ci sono molte altre canzoni che sono state bandite dai negozi di chitarre:

“Smoke on the Water” dei Deep Purple: questo riff classico è spesso uno dei primi che i principianti imparano, ma la sua popolarità lo ha reso fonte di fastidio per i dipendenti dei negozi di chitarre.

“Taurus” degli Spirit: questa canzone è stata oggetto di una causa intentata dagli eredi della band contro i Led Zeppelin, sostenendo che il riff di apertura era stato utilizzato in “Stairway to Heaven” senza permesso.

“Wonderwall” degli Oasis: la semplice progressione di accordi e la melodia orecchiabile di questa canzone l’hanno resa una delle preferite dai principianti, ma il suo uso eccessivo ha portato alla sua messa al bando da alcuni negozi di chitarre.

Sweet Child o’ Mine” dei Guns N’ Roses: l’iconico riff di apertura di questa canzone è notoriamente difficile da suonare, rendendolo una fonte di frustrazione per molti principianti.

“Blackbird” dei Beatles: questo classico del fingerplettroing è uno dei preferiti di molti chitarristi, ma la sua complessità ha portato ad essere bandito da alcuni negozi di chitarre.

“Seven Nation Army” dei White Stripes: questo riff semplice ma accattivante è diventato uno dei preferiti degli appassionati di sport di tutto il mondo, ma il suo uso eccessivo ha portato ad essere bandito da alcuni negozi di chitarre.

“Iron Man” dei Black Sabbath: questo classico dell’heavy metal è uno dei preferiti di molti chitarristi, ma la sua forte distorsione e il difficile assolo hanno portato ad essere bandito da alcuni negozi di chitarre.

“Smells Like Teen Spirit” dei Nirvana: questo classico del grunge è uno dei preferiti di molti chitarristi, ma la sua forte distorsione e il difficile assolo hanno portato ad essere bandito da alcuni negozi di chitarre.

“Sweet Home Alabama” di Lynyrd Skynyrd: questo classico del rock del sud è uno dei preferiti di molti chitarristi, ma il suo uso eccessivo ha portato ad essere bandito da alcuni negozi di chitarre.

“Bohemian Rhapsody” dei Queen: questa canzone epica è una delle preferite di molti chitarristi, ma il suo arrangiamento complesso e gli assolo difficili hanno portato a bandirla da alcuni negozi di chitarre.

Torna alla home