Francesco De Gregori e Checco Zalone: a breve un album e un live

L'atipica unione Francesco De Gregori - Checco Zalone: il loro album si intitolerà Pastiche, mentre il live è previsto il 5 giugno alle Terme di Caracalla

70
Francesco De Gregori e Checco Zalone: a breve un album e un live

Francesco De Gregori e Checco Zalone celebrano la loro lunga e profonda amicizia attraverso un progetto musicale innovativo: un doppio disco e un evento live. Intitolato “Pastiche”, questo lavoro vedrà la luce il prossimo 12 aprile e rappresenta una fusione unica di talenti e generi.

Registrato in presa diretta tra il 2023 e il 2024, il disco comprende quindici tracce che spaziano dalle cover del celebre cantautore italiano, tra cui brani iconici come “Rimmel”, “Pezzi di vetro”, “Atlantide” e “Buonanotte fiorellino”, a reinterpretazioni di classici di autori come Paolo Conte, Pino Daniele e Antonello Venditti. Inoltre, il lavoro include anche composizioni originali di Zalone, tra cui “Prima Repubblica”, colonna sonora del famoso film “Quo Vado?”, campione d’incassi.

Francesco De Gregori e Checco Zalone: una collaborazione sorprendente

La collaborazione tra Francesco De Gregori e Checco Zalone potrebbe sorprendere chi non è a conoscenza del legame profondo tra i due artisti. Le incursioni di Luca Pasquale Medici (vero nome del comico), durante i live di De Gregori negli ultimi dieci anni testimoniano, tuttavia, la loro stretta amicizia. Oltre ad essere un celebre comico pugliese, Zalone è anche un eccellente pianista e compositore, e la sua musicalità è sempre stata parte integrante della sua comicità.

Chi è Francesco De Gregori

Francesco De Gregori, nato il 4 aprile 1951 a Roma, è un cantautore italiano di grande fama. Figlio di genitori impiegati delle Poste, ha iniziato a coltivare la passione per la musica fin da giovane, frequentando ambienti artistici e musicali. L’amore per la chitarra e per la composizione di brani risale ai tempi del liceo, ma è stato solo dopo aver abbandonato gli studi universitari in Giurisprudenza che ha deciso di dedicarsi completamente alla musica.

Il suo debutto musicale è avvenuto a inizio anni ’70, con l’incisione del suo primo album, intitolato semplicemente “Francesco De Gregori” nel 1972. Negli anni successivi, ha pubblicato una serie di album che lo hanno consacrato come uno dei principali esponenti della scena cantautorale italiana. La sua musica è caratterizzata da testi profondi e poetici, spesso influenzati dalla letteratura e dalla cultura italiana.

L'articolo continua dopo la pubblicità

De Gregori ha collaborato con numerosi artisti italiani e internazionali nel corso della sua carriera, tra cui Lucio Dalla, Antonello Venditti e Pino Daniele. È noto per brani come “Rimmel”, “La donna cannone”, “Buonanotte fiorellino” e molti altri, che sono diventati dei veri e propri classici della musica italiana.

Chi è Checco Zalone

Checco Zalone, nome d’arte di Luca Pasquale Medici, è nato il 3 giugno 1977 a Bari, in Puglia. Cresciuto in una famiglia semplice, fin da giovane ha dimostrato una grande passione per la comicità e la musica. Dopo essersi diplomato al liceo scientifico, si è poi trasferito a Roma per studiare recitazione presso la Scuola di Teatro Colli.

Il suo debutto nel mondo dello spettacolo è avvenuto grazie ad alcune apparizioni televisive e teatrali, raggiungendo il successo  nel 2009 con il suo primo film, “Cado dalle nubi”, divenuto un ver e proprio cult del cinema italiano. Da allora, ha continuato a riscuotere successi con altri lungometraggi come “Che bella giornata”, “Sole a catinelle” e “Quo Vado?”, divenuti tra i film più visti nella storia cinematografica del nostro Paese.

La collaborazione tra i due artisti

La collaborazione tra Francesco De Gregori e Checco Zalone rappresenta un incontro sorprendente tra due mondi artistici apparentemente diversi. Entrambi gli artisti condividono, tuttavia, una profonda passione per la musica e la capacità di comunicare con il pubblico attraverso le loro opere.

La loro collaborazione su “Pastiche” sembra essere il risultato di un’affinità artistica che va al di là delle convenzioni di genere. È un progetto che unisce le abilità di De Gregori nel cantautorato italiano con il talento musicale di Zalone, creando un lavoro che si preannuncia interessante e innovativo. Questa loro unione dimostra che, nonostante le differenze apparenti, la musica ha il potere di unire artisti provenienti da sfondi diversi, offrendo al pubblico un’esperienza unica e coinvolgente.