Perché John Bonham è considerato il Dio dei batteristi rock

Il batterista John Bonham, conosciuto anche con il soprannome di "Bonzo", era il cuore pulsante dei Led Zeppelin, quando morì, all'età di 32 anni il 25 settembre 1980, fu una vera tragedia per la musica rock

132
Perché John Bonam è considerato il Dio dei batteristi rock
Perché John Bonam è considerato il Dio dei batteristi rock

Il batterista John Bonham, conosciuto anche con il soprannome di “Bonzo”, era il cuore pulsante dei Led Zeppelin, quando morì, all’età di 32 anni il 25 settembre 1980, fu una vera tragedia per la musica rock.

Perché John Bonham è il migliore batterista di tutti i tempi

La carriera di John Bonham si unisce a quella di Robert Plant nel 1965, dove suonarono coi Crawling King Snakes, poi Bonham lasciò li lasciò per gli A Way Of Life.

Robert Plant e John Bonham si riunirono poi nella terza e ultima formazione del gruppo di Plant Band Of Joy nel gennaio 1967. Nel frattempo, a Londra, Jimmy Page, John Paul Jones e Peter Grant stavano mettendo insieme una band dalle ceneri degli Yardbirds. Convinsero Robert Plant a unirsi a loro, che a sua volta raccomandò Bonham per il concerto.

John Bonham nonostante l’apparenza burbera, era molto sensibile, confidò subito  agli amici di soffrire di attacchi di panico prima di ogni concerto. “Sto peggiorando”, disse nel 1975. “Ho sempre i nervi terribilmente a pezzi. Una volta iniziato il Rock And Roll, sto bene. Ai festival è peggio. Potresti dover stare seduto per un giorno intero e non osi bere perché ti stanchi e mandi all’aria il concerto. Quindi te ne stai seduto a bere il tè in una roulotte mentre tutti dicono: ‘Lontano, amico.’”

John Bonam
John Bonam

Bonham non era solo un batterista potente, ma anche un innovatore, introducendo nuove tecniche di batteria e sperimentando diversi suoni e ritmi. La sua creatività e originalità si possono sentire in brani iconici come “Whole Lotta Love”, “Kashmir” e “Moby Dick”. Era noto per la sua incredibile potenza e controllo sulla batteria. La sua capacità di eseguire ritmi complessi con una tale forza e precisione lo rese unico nel suo genere. Era in grado di produrre suoni potenti e distinti che hanno definito lo stile dei Led Zeppelin

L'articolo continua dopo la pubblicità

Good Times, Bad Times

Dall’intro schiacciante di “Good Times, Bad Times”, l’album di debutto dei Led Zeppelin ha preso a calci in faccia il rock and roll, con virtuosismi funky, campanacci, triplette di cassa, con un feeling supersincopato.

I Led Zeppelin vendettero più di 200 milioni di dischi e pubblicarono otto album in studio da “Led Zeppelin” e “Led Zeppelin II” (entrambi del 1969) fino a “In Through The Out Door” (1979), annunciando l’era dell’album dei concerti della band negli stadi. La conoscenza della batteria di John era straripante.

Fool In The Rain

In “Fool In The Rain” (1979) la traccia separata del charleston e quella del rullante/cassa lavorano insieme come due ritmi complementari prima che inizi una sezione centrale calypso.

Bonham era in grado di adattarsi a una vasta gamma di generi musicali, dall’hard rock al blues, dal folk al funky. La sua versatilità lo contraddistinse in una varietà di contesti musicali e gli permise di contribuire in modo significativo alla varietà e alla profondità del suono dei Led Zeppelin.

Four Stick

Su Four Stick John Paul Jones ha suonato un sintetizzatore. John Bonham  ha un’intuizione sul tempo insolita, con riff in un misto di 5/8 e 6/8.

Black Dog

Un’altra caratteristica unica dello stile unico di John Bonham è la capacità di entrare in sintonia con il chitarrista più che col bassista, suonando la batteria in un modo più legato allo stile della chitarra.

Tuttavia, Bonham suonerà anche con un tempo in chiave completamente diverso rispetto a tutti gli altri strumenti per far sembrare la canzone deliberatamente “fuori tempo”. Nella canzone Black Dog dei Led Zeppelin, dove suona in 4/4 mentre la chitarra suona in 9/8, questo crea un ritmo davvero interessante che non può essere replicato se tutti suonassero in 4/4.

In my time of dying – al minuto 4 grande riff di Bonham

Dopo l’intermezzo “oh my Jesus” di Plant, viene posta maggiore enfasi sul levare, e questo dà alla canzone un aspetto completamente nuovo anche se è lo stesso riff. Da brividi John Bonham.

 

Kashmir

In Kashmir Bonham contrappone il ritmo rock in 4/4 agli archi e alla chitarra che lavora in terzine in modo che i due si sincronizzino ogni 12 battute, creando così una tensione drammatica.

La morte di John Bonham

Nel settembre del 1980, tutti e quattro i membri dei Led Zeppelin avevano iniziato a esercitarsi in preparazione del loro primo tour in Nord America del 1977 e provarono il tour nelle vicinanze della residenza di Jimmy Page a Windsor, dove risiedeva la band. Proprio qui John Paul Jones e Benje LeFevre (responsabile del tour dei Led Zeppelin) trovarono il corpo di Bonham, la mattina del 25 settembre, John Bonham era morto per aver inalato vomito nel sonno, a 32 anni.

john-bonham
John Bonham

Il giorno precedente la sua morte, John Bonham aveva assunto tanta vodka fino a perdere conoscenza. Un suo assistente lo spostò a letto, dove fu trovato senza vita. John Paul Jones ha raccontato di quel giorno: “Benje ed io lo abbiamo trovato. È stato come, ‘Andiamo a vedere come sta Bonzo.’ Abbiamo cercato di svegliarlo… È stato terribile. Poi ho dovuto informare gli altri due… ho dovuto dare la notizia a Jimmy e Robert.

“Mi ha fatto sentire molto arrabbiato – per aver sprecato… non posso dire che fosse in buona forma, perché non lo era. C’erano stati momenti piacevoli durante le prove finali… ma poi ha iniziato con la vodka. Penso che abbia bevuto a causa dei problemi nella sua vita personale. Ma è morto per incidente. Si trovava in una posizione pericolosa, cosa che avrebbe potuto accadere a chiunque avesse bevuto molto.”.

Statue rock

Bonham non era solo un batterista potente, ma anche uno sperimentatore

Bonham ha introdotto nuove tecniche e sperimentato diversi suoni e ritmi. La sua creatività e originalità si possono sentire in brani iconici come “Whole Lotta Love”, “Kashmir” e “Moby Dick”. Era noto per la sua incredibile potenza e controllo su ogni ritmo. La sua capacità di eseguire tempi complessi con una tale forza e precisione lo rese unico nel suo genere. Era in grado di produrre suoni potenti e distintivi che hanno definito lo stile dei Led Zeppelin.

Curiosità su John Bonham

In alcuni locali John Bonham non poteva suonare per il volume troppo pesante che riproduceva con la sua batteria, forse per i fonici non era molto divertente lavorarci in quelle modalità.

John Henry Bonham nacque a Redditch, Worcestershire, il 31 maggio 1948, suo padre Jack gestiva un’impresa edile insieme ai due fratelli di John.

Bonham era influenzato da generi come il jazz e il blues, da batteristi come Joe Morello, Buddy Rich, Gene Krupa e Max Roach.

Statua dedicata a John Bonham

Il batterista dei Led Zeppelin John Bonham è stato commemorato con una scultura nella sua città natale di Redditch, in Inghilterra. Anche dopo la sua morte prematura nel 1980, l’influenza di Bonham sulla musica rock è rimasta incisiva. Il suo stile di batteria è studiato e emulato da generazioni di batteristi successivi, il suo contributo alla musica è ampiamente riconosciuto e celebrato oggi.

Statua a John Bonham
Statua a John Bonham

Conclusioni

In sintesi, John Bonham è considerato il batterista più forte di tutti i tempi per la sua combinazione di potenza, creatività, versatilità e impatto duraturo sulla musica rock. Il suo lavoro con i Led Zeppelin ha contribuito a definire intere generazioni di musica e continua a ispirare musicisti di tutto il mondo.

Angus Young narra la genesi di Thunderstruck degli AC/DC

Angus Young narra la genesi di “Thunderstruck” degli AC/DC