La disputa sui diritti musicali tra Universal Music Group e TikTok si inasprisce

Il contratto tra la Universal Music Group e TikTok è scaduto già dal 31 gennaio e i due colossi non hanno ancora siglato un nuovo accordo che consenta la riproduzione della musica di artisti di cui Universal detiene i diritti

676
disputa sui diritti musicali tra Universal Music Group e TikTok

Il contratto tra la Universal Music Group e TikTok è scaduto già dal 31 gennaio e i due colossi non hanno ancora siglato un nuovo accordo che consenta la riproduzione della musica di artisti di cui Universal detiene i diritti.

Ciò ha portato a un acceso disaccordo tra i due colossi, con la Universal che ha ritirato la propria musica dalla piattaforma cinese e, ad oggi, non si è ancora raggiunto un accordo.

Universal Music Group (UMG) ha ritirato l’audio della propria musica da TikTok. La Universal ha criticato pubblicamente TikTok per l’eccessiva saturazione di registrazioni generate dall’intelligenza artificiale sulla piattaforma.

In una lettera dai toni forti resa pubblica appena un giorno prima della scadenza del loro accordo, la Universal Music ha espresso preoccupazione per il fatto che le richieste di TikTok potrebbero “diluire in modo massiccio il pool di royalty per gli artisti umani”, equiparando il rispetto di questi termini a “nient’altro che sponsorizzare la sostituzione dell’artista con l’intelligenza artificiale.

Secondo la Universal Music, TikTok fa molto affidamento sulla musica per stimolare il coinvolgimento degli utenti, ma non compensa adeguatamente artisti e cantautori. Alcuni degli artisti della Universal esclusi dalla piattaforma TikTok sono The Beatles, Taylor Swift e Bad Bunny.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Secondo la UMG, quando Universal ha provato a negoziare tariffe migliori, TikTok ha fatto ricorso a tattiche intimidatorie rimuovendo la musica dagli artisti in fase di affermazione e mantenendo le star più importanti: “TikTok ha tentato di costringerci ad accettare un accordo di valore inferiore rispetto a quello precedente… Rimuovendo selettivamente la musica di alcuni dei nostri artisti emergenti, mantenendo sulla piattaforma le nostre star globali che attirano il pubblico”.

La Universal Music sostiene che TikTok rappresenta solo l’1% delle loro entrate totali, indicando le tariffe di licenza molto basse che pagano: “A dimostrazione di quanto poco TikTok compensi artisti e cantautori, nonostante la sua base di utenti massiccia e in crescita, le entrate pubblicitarie in rapido aumento e la crescente dipendenza dai contenuti basati sulla musica, TikTok rappresenta solo circa l’1% delle nostre entrate totali”.

TikTok risponde alla Universal così: “È triste e deludente che Universal Music Group abbia messo la propria avidità al di sopra degli interessi dei propri artisti e cantautori. Nonostante la falsa narrativa e la retorica della Universal, il fatto è che hanno scelto di abbandonare il potente supporto di una piattaforma con oltre un miliardo di utenti che funge da veicolo promozionale e di scoperta gratuito per il loro talento“.

Probabilmente la Universal sta tentando di stabilire un precedente sul modo in cui le piattaforme trattano i contenuti generati dall’intelligenza artificiale poiché attualmente ritiene che questa tecnologia sia dannosa per gli affari.

Se TikTok o altre piattaforme, seguissero il percorso della musica generata dall’intelligenza artificiale, verrebbe meno al catalogo musicale della  Universal, incidendo così sui rendimenti finanziari dell’etichetta e di conseguenza degli artisti.

Cosa succede quando l’intelligenza artificiale è in grado di creare qualcosa che richiede emozioni, come la musica?

Cosa succede quando l’intelligenza artificiale è in grado di creare qualcosa che richiede emozioni, come la musica?

TikTok sperimenta una nuovissima funzionalità “AI Song”

TikTok sperimenta una nuovissima funzionalità “AI Song”